Rifacimento glutei e dimagrimento

gluteiIl rifacimento del “lato b” aumenta e migliora i glutei, attraverso il prelievo di grasso da altre aree del corpo. L’intera procedura rappresenta una sorta di resculpting corporeo totale di addome, fianchi e glutei.

La domanda (e la risposta) che ci vogliamo oggi porre è strettamente collegata alla transazione di cui sopra: con un intervento di resculpting contraddistinto da prelievo di grasso e innesto sui glutei, si corre il rischio di perdere complessivamente peso?

La risposta, pur sintetica, è: se il grasso viene elaborato e innestato correttamente, non vi sarà alcuna perdita di peso tra gli effetti dell’intervento. Recenti osservazioni mediche dimostrano infatti che seppur alcune pazienti sono in grado di perdere anche oltre il 5% del loro peso corporeo subito dopo l’operazione, entro un anno il peso originario viene gradualmente ripreso.

Insomma, in altri termini, l’innesto di grasso non dovrebbe comportare particolari perdite di peso, se non quelle fisiologicamente legate allo “stress” operatorio. I benefici derivanti da tale operazione sono, in cambio, molto evidenti: ammesso che la procedura venga eseguita correttamente, le curve della parte centrale e inferiore del corpo dovrebbero allinearsi verso i risultati attesi. Il grasso adeguatamente trattato e innestato non viene dunque perso, ma contribuisce a rimodellare il corpo, con conseguente fluttuazione e riallineamento del peso “standard”.

La meraviglia dell’innesto di grasso è pertanto ben rappresentata dal fatto che può contribuire in maniera significativa, e senza gravi complicazioni, al cambiamento delle proporzioni del corpo. Se l’operazione è inoltre sinergicamente strutturata con l’inserimento di cellule staminali, l’innesto di grasso sarà in grado di sopravvivere a lungo, garantendo un miglior afflusso di sangue verso tale area e, complessivamente, un post-operazione più congruo.

Nelle prossime settimane torneremo a parlare di cellule staminali e di impiego in operazioni di chirurgia plastica, convinti che possa oramai essere una delle prossime frontiere di breve termine del comparto.