Chirurgia estetica, in Spagna trionfa il lato b

In Italia e in Germania prevale il seno, ma in Spagna è il lato b a non avere grandi concorrenti. Ci riferiamo, ovviamente, alla chirurgia estetica e al numero degli interventi sulle singole parti del corpo e, in particolare, allo straordinario successo della gluteoplastica iberica, che “stride” parzialmente con il primato italiano e tedesco sul fronte della mastoplastica. Questa e altre considerazioni, alla luce di un'indagine compiuta da LaClinique su un campione di 1.000 donne e di 250 uomini.

Ebbene, stando a quanto riguarda l'Italia, gli interventi più richiesti dalle donne sarebbero stati la mastoplastica (17 per cento, 2 per cento in più rispetto al 2011), la liposuzione (31 per cento) e l'addominoplastica (18 per cento). Un podio che risulta essere comunque alla maggior parte delle altre nazioni del vecchio Continente.

Chirurgia estetica: poche donne specialiste

Le donne sono tra le principali fruitrici degli interventi di chirurgia estetica, ma raramente si siedono dall’altra parte della scrivania o indossano il camice da lavoro. In altri termini, a fronte del 90% di pazienti donna che ricorre spesso e volentieri al “ritocchino”, solamente il 15% dei chirurghi estetici appartiene al gentil sesso. Una sproporzione che è emersa negli ultimi giorni dai dati pubblicati dall’Aicpe, l’Associazione italiana chirurgi plastici estetici, secondo cui, in fondo, tale evidente gap tra medici e pazienti non avrebbe alcuna ragione di esistere.